lunedì 13 maggio 2013

Gli incubi a me, i sogni agli altri

Succede che ti senti di nuovo in forze, di nuovo felice, di nuovo viva.
Succede che decidi di ricominciare a vivere, e di lasciare gli argini che ti hanno protetta in questi mesi. Succede che vai a Genova e che stai benissimo, mangi bene, vedi cose belle, stai mano nella mano con l'amore della tua vita.
Succede che hai un ritardo e cerchi di negarlo, succede che ti lasci convincere e fai un test, anzi due.

Il primo ti dice "forse", il secondo ti convince perché è digitale e non lascia spazio a fraintendimenti. Tu sai leggere e quello è fatto proprio per chi non vuole interpretare : incinta 1-2.

Succede che ti domandi se sia davvero  possibile essere felice ora... Che inizi di nuovo a fantasticare, a contare, ma lo dici solo alla famiglia, perché prima vuoi essere certa, vuoi essere sicura. Anche se sai che la sicurezza potrai averla solo quando sarà materialmente tra le tue braccia. Ma vuoi comunque provare ad essere felice... Sai bene che la felicità e' fatta di attimi, istanti... E devi afferrarla.

Succede che però non sei convinta... Il sesto senso si dice, no?

Succede che sei felice un giorno.

Succede che il tuo corpo rinneghi  la tua rinascita macchiandola di sangue.

Così la felicità dura un giorno.... Un attimo. E oramai, cazzo Silvia, dovresti averlo capito.

Succede che non ci credi più, che gli occhi impauriti di chi ami, il tremore alle mani e quel senso di disperazione che ti pervade quando non sai cosa fare, di fronte a qualcosa che non puoi fermare, bhe... Ti segnano ancora. E ti domandi se riuscirai a superare anche questa bastonata.


Succede che forse quel test aveva ragione, e che se avessi aspettato solo un giorno in più sarei stata ancora felice, perché ignara. L'ignoranza rende tutto semplice.

Non avevi un nome non lo avresti avuto fino alla fine, ti avevamo dato una sigla, come si fa con i programmi... Eri XGM1.2

...e come tutte le più belle cose, vivesti solo un giorno, come le rose...




17 commenti:

  1. Tesoro mio :(
    però una cosa mi consola in tutto ciò...le tue pigrone si sono risvegliate quindi presto ci sarà una nuova alba, ne sono convinta.

    RispondiElimina
  2. Io non sò più che dire
    sono giorni terribili
    in cui leggo solo dolore e un elenco infinito di perdite

    Mezz'ora fà ho scritto alla mia clinica perchè sentivo che era il momento per me di ripartire,
    ma non sono impermeabile al dolore altrui
    dovrei proteggermi
    e invece ti leggo
    vi leggo
    e assorbo.



    RispondiElimina
  3. L'ignoranza rende tutto semplice.

    hai ragione.
    Vorrei abbracciarti.
    e vorrei che non fosse accaduto.

    RispondiElimina
  4. Silvia tesoro, sembra banale, anzi lo e', ma cerca di pensare che era per darti il segnale che sei ripartita. un abbraccio grande e pieno di speranza che diventa sempre più concreta!!!

    RispondiElimina
  5. E' vero il non sapere protegge...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Nononono non lasciarti abbattere! Come dicono qui sopra, eri ripartita, le pigrone si sono svegliate, questo purtroppo succede piu' frequentemente di quanto non crediamo. Perche', appunto, non lo sappiamo. Dai Silvia.

    RispondiElimina
  7. Ha perfettamente ragione Lucy, succede molto più spesso di quanto si pensi...a me è successo due volte, probabilmente, se non fossi stata in cerca di una gravidanza, avrei pensato di aver avuto un semplice ritardo e avrei sofferto molto meno. Non ti abbattere!

    RispondiElimina
  8. Lo so che non ti basta sentirti dire che ora "funzioni".
    C'è rabbia e sgomento.
    Perché la natura è imprevedibile.
    Noi lo sappiamo bene.
    Questo soffio di vita andato via così,
    in punta di piedi com'è arrivato
    tornerà, per restare,
    perché la vita vincerà
    dentro di te.

    Un grosso abbraccio, amica.

    RispondiElimina
  9. ...come le rose.
    E' l'immagine più bella che potessi associare al tuo fiore.

    RispondiElimina
  10. non sono brava.
    sono quella che ti dice che è una merda assoluta, e non lo so se tu ce la farai, perché non lo so nemmeno per me stessa...
    però io non mi arrendo al non crederci.
    che ti devo dire.
    tiro fuori le palle e spezzo equilibri.

    RispondiElimina
  11. non so come confortarti a parole però anche se adesso ti pare quasi uno scherzo crudele...lo hai capito tu stessa che il "segreto" per risvegliare il meccanismo è solo quello, goderti il tuo andrea, scoprire posti cose e persone nuove...e presto questo amore prenderà di nuovo una forma, più netta, più definita. Ti stringo forte cara <3

    RispondiElimina
  12. Ti lascio solo un pensiero e un forte abbraccio...chi ha commentato prima di me ha già detto quello che anche io penso...non arrenderti MAI...

    RispondiElimina
  13. Ti penso e ti abbraccio forte...

    RispondiElimina
  14. hai detto tanto ..
    mi dispiace per quello che è successo
    mi emoziono a pensare al risveglio
    un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Eh si, a volte è meglio non sapere
    Ti stringo forte
    mara

    RispondiElimina
  16. Ripartire è già un grande traguardo.....nell'attesa di un nuovo arrivo, ti abbraccio

    RispondiElimina
  17. mi dispiace molto silvia.ti leggo spesso e con te rivivo il dolore che ho avuto io tre anni fa, con la morte di federico, e quello di oggi, per un aborto all'ottava settimana. Crediamoci silvia! Lo so tu mi dirai che non basta crederci, ma anche abbattersi e credere che i sogni arrivino solo per gli altri è sbagliato.Lo scrivo a te, ma il monito è anche per me! Perchè è facile nella nostra situazione di mamme speciali credere che il destino sia contro di noi... non è così...crediamoci insieme!ti abbraccio, mariella.

    RispondiElimina

E quindi? che ne pensi?