martedì 12 maggio 2015

Amo

Amo molto più di quanto possa odiare. Amo scrivere le cose di getto perché se ci pensi tanto a una cosa finisce che la rovini, la limi e non è più la stessa che hai pensato in origine. Amo i gatti, i miei in particolare, amo Ronnie che mozzica se ha fame, amo Pedro che è la mia ombra. Amo i cani, amo gli animali, ma non troppo i rettili.

Amo il mio acquario popolato da un povero pesce pulitore perché gli altri sono deceduti dopo 12 ore che erano in acqua. Amo mio marito, perché senza di lui sarebbe tutto peggiore. Lo amo anche quando mi dice che "tagliati i capelli perché non sono tanto armoniosi ora che sono così lunghi" (della serie: sei tappa, hai capelli più lunghi delle tue gambe, sei ridicola), amo l'amore che c'è tra noi due, e amo la sincerità, solo che in pochi sanno usarla davvero. Amo la mia famiglia, anche se mutilata, perché nei ricordi e nell'amore che resta si riesce a credere che vada bene lo stesso.

Amo il vento in faccia, la pioggia fredda quando un secondo prima c'era il sole, amo l'arcobaleno, e amo scorgerlo all'improvviso. Amo il mare, la montagna e tutto ciò che mi ricorda la vita. Amo l'odore dell'erba appena tagliata, amo la mia scucchia che tra le altre cose sembra divenire sempre più pronunciata. Amo gli amici veri e anche quelli falsi, perché tanto lo sai benissimo quando bleffano e fai finta di credere a ciò che dicono.

Amo l'odore di pulito, e la sensazione che si ha dopo essersi fatti una doccia, quando nello scarico insieme all'acqua hai buttato via la pesantezza e i pensieri della giornata, amo cantare in macchina, anche se non so bene i testi delle canzoni.

Amo quelle giornate in cui alzandomi mi viene da dire "oggi sento che sarà una buona giornata" e amo ricredermi dopo aver fatto 16 gradini.

Amo mio figlio. Lo amo in maniera incredibile, come non credevo fosse possibile. Lo amo quando ride, anche solo con lo sguardo, e quando alza il sopracciglio...lo amo quando corre, quando gioca e quando mi indica le cose. Amo la vita che è tornata insieme a lui. Amo i nostri abbracci e il nostro perderci in coccole infinite.

Amo ciò che ho, e anche quello che ho perso... amo me stessa anche se ho le rughe verticali sotto l'occhio sinistro. Che poi in quelle rughe c'è davvero tanta storia dentro.


5 commenti:

  1. io amo quello che detesto.
    è un casino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa di sì. C'è una frase di Gibran che io ho fatto mia dice: È strano ma il desiderio di certi piaceri è parte del mio soffrire.

      Come vedi...non siamo le uniche!

      Elimina
  2. Amo leggerti serena e amo entrare qui in punta di piedi ed uscire con il sorriso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per esserci sempre! Un giga bacio! ;-)

      Elimina
  3. Che bello, ami un sacco di cose, forse più di quelle che odi!!

    RispondiElimina

E quindi? che ne pensi?