venerdì 10 febbraio 2017

I gruppi WA, e il male di vivere.




Odio i gruppi w.a., davvero. Le persone che mi conoscono lo sanno e sanno anche che da quando ho scoperto il modo per evitare le notifiche non sfrutto le potenzialità dell'applicazione, per cui se mi scrivi non è detto che io ti risponda subito. Anzi.

Da quando Damy va al nido sono stata iscritta, mio malgrado, a diverse chat.

La mia vita è stata stravolta. Dico davvero. Se Umberto Eco diceva che "Facebook ha dato voce agli stupidi" io rilancio dicendo che W.A. ha concesso la facoltà di parlare alle mamme decerebrate.

Non credevo che al mondo ne esistessero tante. Ma d'altronde non si smette mai di imparare...
Alle prime chat mi sentivo quasi emozionata: "Regalo per la festa di CiccioFormaggio", evviva!! La nostra prima festa!! Che carine hanno pensato anche a me...

"Allora Mamme! (e già qui il sopracciglio si inarca...) ho pensato di creare questo gruppo per dirvi che penserò io a fare il regalo a CiccioFormaggio, per cui metterò una scatolina nell'armadietto di mia figlia CiccettaBella basterà che mettiate 10 euro in una bustina con il vostro nome. Lascerò la scatolina fino alla prossima settimana"

Bene, messaggio chiaro, gesto lodevole. Brava Mamma di CiccettaBella.

Poi l'apoteosi. Una sfilza infinita di gente che dice "Grazie!" "Che bella idea" "Faccetta che ride, faccetta che bacia, pollice in alto, manine felici". Non avevo ancora scoperto come disattivare le notifiche...quindi una serie infinita di BIP.

Sono le 23:58 e la "Pippi ⚤" manda un messaggio "scusate ma non ho capito bene, dove li dobbiamo lasciare i soldi? Nell'armadietto di CiccettaBella o di CiccettaBuona? perché hanno lo stesso nome!!!"
e mentre maledici il tuo telefono e il fatto che ti abbia strappato dal sogno...arriva l'illuminata devota al buonismo che risponde "Anche io non avevo capito! Ma si tratta di CiccettaBella quella che ha l'armadietto vicino alla porta rossa", ti riaddormenti, sono le 2:00 di notte e arriva un  "Grazie!!" seguito la mattina alle 5:00 da un "Figurati!!". E lì inizi a pensare che alla festa di CiccioFormaggio non ci vuoi andare.

I giorni a seguire sono un continuo..."Ho messo i soldi! Sono la mamma di Palletta!" "anche io! mamma di Burrofuso!" e così per giorni... fino alla festa. Dove ci sono ancora ritardatarie.."scusatemi! ho scordato di mettere i soldi ma la scatolina non c'è piu`!" O ancora "Io non avevo la bustina e li ho lasciati sfusi...sono i miei!" e così via...al punto che quando senti il BIP del telefono ti parte un tic nervoso nell'occhio.

Questo per le feste. Da quando c'è il terremoto le maestre hanno aperto una chat... e vi assicuro che c'è il delirio. Alla prima scossa di terremoto il telefono impazzisce... te già sei preoccupata e quando prendi il telefono, al quale hai tolto l'avviso di notifica, scopri 106 messaggi.

"Cacchio. È crollato tutto!!"



No, ovviamente. Sono le mamme decerebrate che hanno iniziato una litania, che termina con un elogio alle maestre con tanto di disegnino. E lì ti rendi conto che sei una persona cattiva, perché sei disgustata da tanto i tuoi occhi stanno guardando, e quando scorgi tra i messaggi "Se li portate fuori prendete delle magliette e fatene una sciarpa...perché ho scordato il cappello!" e un "Grazie per pensare HAI nostri figli"..Lì prendi il telefono e lo butti.

Il primo messaggio che scopri dopo aver sfogliato lo schermo per 3 ore diceva "Maestra Fiore: Stiamo tutti bene e in giardino, coperti"..



Vai a prendere tuo figlio e speri che tra i suoi amichetti preferiti non ci siano CiccettaBella, Palletta e il figlio della Pippi... Che no, davvero non ce la puoi fare.

********************
Tutto quello che ho scritto è vero. I nomi sono di fantasia, ma nemmeno troppo, mi assumo la responsabilità di quanto scritto...e se qualche mamma di questo tipo si sente offesa. Me ne farò una ragione. 



5 commenti:

  1. sposami. e pensiamo insieme HAI nostri figli, creando per loro enormi sciarpe di magliette (?!?!)

    p.s. anch'io ho tolto le notifiche...

    RispondiElimina
  2. Non ho ancora il "piacere" di far parte di questi gruppi.
    L'unico a cui sono iscritta è quello con i miei fratelli perché vivendo all'estero ci manteniamo facilmente in contatto e lì, per fortuna, di mamme decerebrate non ce n'è (ma poi non hanno un cacchio da fare che scrivere in queste chat h24???)

    RispondiElimina
  3. Io preferisco una telefonata a mille mess di wa. Il ns gruppo scuola serve x i compiti se qualcuno manca oppure per avvisi riguardanti il catechismo. Di mamme decerebrate ce ne sono ma o le ignoro o....le ignoro, ma scriviamo pochissimo quindi mi viene semplice.

    RispondiElimina
  4. Eccomi, fresca fresca dopo un "abbandona il gruppo".
    Le maestre dell'associazione sportiva che tiene il corso di psicomotricità frequentato da mia figlia hanno creato un gruppo degli iscritti, per poter comunicare agevolmente eventuali LORO assenze o ricordare le date di incontri formativi a tema che periodicamente indicono. Quando la maestra mi ha chiesto (personalmente) il permesso di aggiungermi al gruppo, ci ha tenuto a specificarne lo scopo e a dirmi che ovviamente avrei potuto comunicare eventuali assenze di mia figlia tramite messaggi privati. La cosa mi pareva ovvia e sensata, e sono stata felice di sentirmi parte di un gruppo così parsimonioso di messaggi e rispettoso.....macchè, pura illusione!!! Il lunedì pomeriggio, ad un orario che oscilla tra le 14 e le 15, inizia la tiritera di Gigetto che oggi ha la febbre e gli spiace tanto, di Marietto (dopo due minuti) che anche lui poverino non può perchè la nonna è in ospedale, la mamma di Antonina invece ha l'auto dal meccanico perchè blablabla e non la porterà a lezione, e in cuor suo la bimba vuole tanto bene alla maestra perchè chiede sempre di lei alla mamma....e non è finita!! Poi iniziano le richieste di recupero, incuranti del fatto che (magari) le maestre possono avere le loro esigenze organizzative non necessariamente esplicitabili nel gruppo....che tristezza.
    Il fatto è che a me cominciano a prudere le dita: mi vengono in mente messaggi sarcastici e palesi sfottò...e devo stare tranquilla perchè quelle che scrivono sono mamme non solo di alcuni compagni di mia figlia ma anche di alcuni miei allievi....Che fare? meglio evitare un crollo dell'autocontrollo e uscire dal gruppo...e pensino quel che gli pare.
    Grazie per lo sfogo :-)))

    RispondiElimina
  5. ti basti sapere che dopo l'ultima riunione di classe in cui ho chiesto di non abusare del gruppo wa della classe ci sono due-tre mamme che non mi parlano più
    ecco

    RispondiElimina

E quindi? che ne pensi?