mercoledì 18 settembre 2013

Persone

C'è l'infermiera della asl, quella che fa il prelievo senza farti male, che ti dice: "signora, ma lei non aveva un bel pancione? Come sta?". Le rispondi... E vedi l'imbarazzo... Ma sorridi. "Eh, signora...non si preoccupi, era una domanda legittima ". C'è la cassamortara che non paga il condominio e le hanno fatto un'ingiuzione di pagamento, e lei dice che l'amministratore è un verme. C'è il pittore del palazzo che ha la broncopolmonite, ma sembra sia uscito dall'ospedale.

Sono in fila all'agenzia delle entrate.

C'è una signora davanti a me che piange, deve fare una successione, e la sua amica, appena diventata nonna che prova a consolarla. "Il destino non si può fermare" dice. "È la vita", dice. Ma la signora continua a piangere e vedo in quello che dice la voglia di cambiare discorso, di cercare di portare l'amica a parlare del nipotino appena nato. È prematuro, ma sta bene. E giù i discorsi sulle rispettive gravidanze, vissute almeno 20 anni fa. C'è un vecchio che prova a passare avanti facendo il simpatico con un'impiegata. C'è la gente in fila... Ma io sono seduta, sono qui da mezz'ora e l'ufficio ancora non apre, ma ho il numero 3. Mi sento felice. Sia del numero guadagnato, sia della serenità interiore. Sono uno spettatore sopra le parti.

Sono sopra alla mia vita. Ieri sera ho riso di gusto con Andrea mentre preparavano la cena, e vedevo nel suo sguardo la stessa serenità. Ce  lo meritiamo amore mio. Siamo ancora insieme, ancora uniti. Ancora vivi.

Aprono l'ufficio. Ora tocca a me. Silvia ha ricominciato a vivere, oltre il dolore.

27 commenti:

  1. bello il tuo post e bella quella sensazione che provi. Essere serene è il primo passo verso la giusta direzione.
    Ti abbraccio Alessia

    RispondiElimina
  2. Che gioia!! E che ricchezza!! Questa immagine del mondo come un fiume che scorre mi dona forza e serenità: grazie!

    RispondiElimina
  3. Certo che ve lo meritate dolce Silvia...
    Un bacio grande
    Kiki

    RispondiElimina
  4. Mamma che post!
    Vedere le vite altrui e la propria come se fossimo in alto, a fluttuare sopra l'umanità che vive gioie e tragedie.
    Grazie, amica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È così Elle, tutto quello che abbiamo vissuto ci ha reso persone diverse, capaci forse di una sensibilità che prima non avevamo. Anche in questo ci sono i nostri figli... un abbraccio a te, amica cara

      Elimina
  5. E' bello vedere la propria vita dall'alto? Io ci devo ancora arrivare.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro di riuscire presto a lasciare le "cose pesanti", pensieri, problemi e altro dietro alle spalle... un abbraccio a te

      Elimina
  6. E quando ti leggo felice sorride anche il mondo!
    Ti stra abbraccio!!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esagerata!! Però hai visto cosa può fare un numero?? ;-)

      Elimina
  7. io ti accarezzo dolcemente...come farebbe una cara nonnina
    <3

    RispondiElimina
  8. Silvia bello leggerti così
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Che bello Silvia, un altro passo avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Nadia...piano piano riguadagno il mio spazio!

      Elimina
  10. Ciao Silvia,
    non c'entra granchè con il tuo post però è da un pò che volevo dirtelo. In quello che scrivi spesso traspare la tua paura e la tua rabbia di apparire agli altri come una "poveretta" e una "sfigata".
    Ecco io credo che tu sia quanto di più lontano al mondo ci sia dall'essere sfigati... Conosco invece tante persone sfigate che hanno una vita perfetta (2 figli (ovviamente un maschio ed una femmina), un buon lavoro, una bella casa) ma un'insoddisfazione perenne che non li fa essere felici... Tu no TU SEI UNA PERSONA VINCENTE perchè nonostante tutto il dolore che ti ha travolto, tu combatti, ti rialzi e ti impegni con una tenacia da eroina a ritrovare la tua FELICITA'. E la troverai...
    Un Abbraccio
    Sofonisba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sofonisba, è vero, spesso ho paura di essere etichettata, sarà stato lo sguardo carico di pietà delle persone, o la consapevolezza che in un solo anno la mia vita è completamente cambiata... ora so di essere una persona nuova... e aspetto la mia parte di felicità!

      Elimina
  11. Ti ho letta sempre in rispettoso silenzio ...sei una donna forte ...:-)

    RispondiElimina
  12. Silvia
    Quanto sono felice di leggere questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo solo che duri questa serenità conquistata a fatica! Grazie!

      Elimina
  13. Ma che brava la mia super sayan preferita!!!! ( un plauso anche ad Andrea, uomo dagli occhi tenebrosi e dal cuore grande)

    RispondiElimina
  14. mi piace tanto tanto tanto tanto
    Sei proprio SiRvia..
    <3

    RispondiElimina

E quindi? che ne pensi?